Se ti piace quello che vedi, puoi segnalarlo ai tuoi amici sui Social Network!
chitarra danelectro

Danelectro

danelectroIl marchio Danelectro venne creato negli anni ’40 da Nathan Daniel, un tecnico musicista che originariamente fabbricava amplificatori, soprattutto per case come la Epiphone.
Nel 1947 Daniel fondò la propria azienda: la Danelectro. Inizialmente produttrice di chitarre e amplificatori per altre case quali Sears, Roebuck e Montgomery Ward, nel 1954 la Danelectro iniziò la vendita di chitarre e amplificatori col proprio marchio. La prima chitarra, nota come Modello 1954, era un unico pezzo di pioppo ricoperto di tweed e due pickup single-coil inseriti in tubetti di rossetto (lipstick) e collegati in serie anziché in parallelo, con selettore a 3 vie. Sprovvisti di truss rod, questi modelli avevano un tubo di alluminio quadrato che attraversava la chitarra.
L’uso di tubetti di rossetto all’interno dei quali erano alloggiati i magneti, rappresenta bene l’idea di Nathan Daniel: chitarre senza orpelli, funzionali e a prezzi bassi.
Due anni dopo, Daniel iniziò a utilizzare materiali identici sia per Danelectro sia per Silvertone (marchio utilizzato per la produzione di strumenti per altre case): un pezzo unico di pioppo, ricoperto di masonite, parzialmente verniciato e dotato di ponte in acciaio inossidabile e dei famosi pickup “lipstick”, inseriti in tubetti cromati. Tali caratteristiche rimasero invariate per molti anni e furono replicate su quasi tutti i modelli.
Nel 1966 Daniel cedette l’azienda alla Music Corporation of America (MCA) che un anno dopo introdusse le serie Coral, con modelli hollow body, e Seritar. L’intento era vendere tali chitarre a distributori diversi da Sears, per allargare il business.
Purtroppo, dopo solo 3 anni la MCA si vide costretta a chiudere l’impianto a causa delle vendite fallimentari. Tutto ciò che rimaneva fu acquistato da Dan Armstrong e prodotto tramite Ampeg. Le chitarre costruite in quel periodo erano vendute senza marchio, con un solo pickup humbucker e prive dei caratteristici lipstick. La produzione proseguì per qualche anno, finché le chitarre non furono vendute col marchio Armstrong.
Danelectro WildThing BaritoneNel 1990 l’Evets Corporation riprese la vendita di chitarre Danelectro, insieme a pedali e amplificatori. A causa delle scarse vendite, nel 2001 la produzione venne sospesa per essere ripresa, in misura limitata, nel 2006.
Attualmente Danelectro ha due serie di chitarre a catalogo: Pro e Hodad, entrambe reissue di modelli precedenti.
La serie Pro (originariamente introdotta nel 1959) è caratterizzata da un body di compensato e masonite, a forma trapezoidale, manico in acero, tastiera in palissandro a 19 tasti e ponte con sellette regolabili. I pickup ora sono due single coil “lipstick” collegati in serie.
La serie Hodad presenta invece un body in masonite con doppia spalla mancante e design asimmetrico, manico in acero e tastiera in palissandro a 21 tasti. I pickup sono due humbucker in alnico, splittabili e collegati in serie.
Tra gli endorser Danelectro possiamo citare Steve Cradock, Luke Pritchard, Matt Gill, Chris Eaton e Tom Gorbutt.


Danelectro Guitar
Danelectro Guitar
€ 113.26
€ 215.18

Cerca le Offerte


    Advanced

    Search title & description



Da Vedere!

    danelectro wildthing

    paletta danelectro

    mark knopfler con danelectro