Se ti piace quello che vedi, puoi segnalarlo ai tuoi amici sui Social Network!


Stevie Ray Vaughan

stevie ray vaughan da vicinoNato e cresciuto in Texas, Stevie Ray Vaughan è stato una vera e propria meteora nel panorama della musica americana ed internazionale.
Completamente autodidatta e senza nemmeno conoscere una virgola di teoria musicale, Vaughan inizia fin da giovanissimo a suonare la chitarra ad orecchio, per ore ed ore, mentre passa il tempo guardando la televisione. Sulle orme del fratello maggiore, già affermato musicista, comincia poi una sfolgorante carriera che lo vede cimentarsi in una varietà infinita di generi musicali: dal jazz, al blues, per passare dal folk, al rock, fino alle ballad più commerciali.
Musicista talentuoso ed autodistruttivo, aveva uno stile personalissimo, caratterizzato spesso da fraseggi velocissimi e molto precisi ritmicamente.
Una particolarità che molti ricordano è la sua abitudine di utilizzare delle corde molto più spesse del normale per raggiungere delle sonorità estreme. Purtroppo il loro utilizzo gli lacerava letteralmente le dita fino al punto di farle sanguinare. Per ovviare al problema, nei suoi concerti Stevie Ray Vaughan si spalmava sulle mani una colla protettiva, la Super Glue, utilizzata ai tempi del Vietnam dalle truppe americane per chiudere alla bell’è meglio le ferite in attesa dei soccorsi; poi però, verso fine carriera fu costretto ad abbandonare le corde più grosse per passare ad altre meno pericolose.

stevie ray vaughanLa sua chitarra preferita è stata da sempre la Fender Stratocaster. Ne possedeva diversi esemplari che chiamava tutti per nome: Lenny, una Stratocaster del 1962; Charley, un’altra Stratocaster del 1984; la rossa Red; la Fender color crema Scotch, ecc.
La sua preferita era comunque la “Number One” del 1959 che lui chiamava amorevolmente “My Wife”. Sul modello della Number One la Fender ha iniziato a produrre la bellissima Stevie Ray Vaughan Signature Stratocaster, progettata proprio dal grande musicista texano prima della sua incredibile morte: terminato un concerto, chiede all’amico Eric Clapton di lasciargli il posto nell’elicottero che doveva riportarli a turno in albergo… e durante il viaggio l’elicottero si schianta su di una collina nascosta da una fittissima nebbia. Ad appena 35 anni, ci lasciava un chitarrista eccelso e già affermato, la cui sfolgorante carriera è stata drammaticamente recisa da un destino cinico e beffardo.

Cerca le Offerte


    Advanced

    Search title & description



Da Vedere!

    stevie-ray-vaughan-2

    stevie-ray-vaughan